Category Archives: Editorials

Iran tra Oriente e Occidente

Iran Reportage 2012

A cosa si avvicina di più l’Iran di oggi? All’Oriente o all’Occidente? Con questa domanda, rimasta allora senza risposta, si era conclusa la conversazione con l’ambasciatore italiano che avevo appena incontrato nel suo studio privato a Teheran. Davanti a due tazze di buon caffè, Alberto Bradanini, oggi ambasciatore in Cina, aveva lanciato elegantemente diversi argomenti sul tappeto, regalandomi questo quesito accompagnato da una stretta di mano calorosa, e da un sorriso bonario.
Non ci volle molto tempo per comprendere le ragioni che lo avevano spinto a non aspettarsi da me una risposta immediata. Viaggiando attraverso l’Iran, tra Isfahan e Persepoli, da Na’in a Shiraz, dal mar Caspio a Yazd, mi rendevo sempre più conto di quanto fosse difficile rispondere alla domanda. Dov’era l’Oriente? E dove l’Occidente? Attraversando boschi come in Svizzera, campi dove germoglia il riso più pregiato del mondo, laghi grandi come mari e mari chiusi come laghi, passando dalle cupole d’oro delle moschee alle torri del vento delle città del deserto, dai palazzi di Dario e di Serse alla solennità dei monti Elburz. Tutto è grandissimo, tutto si riduce all’essenziale. La tomba di Ciro il Grande a Pasargadae, una costruzione di pietra come una ziggurat, alta appena undici metri. Il Gran Bazar di Teheran, un mercato che si snoda per oltre dieci chilometri nella parte meridionale della capitale. Città di milioni di abitanti, brulicanti di vita. Villaggi di sabbia avvolti dal silenzio. I magnifici palazzi imperiali, le steppe infinite, i piccoli caravanserragli trasformati in ristoranti trendy. Le mille spezie che rendono inebriante il cibo locale. Miliardi di maioliche colorate che ipnotizzano chi guarda le volte di una moschea antica. Le donne, truccatissime con il capo coperto ma non troppo, che guidano le auto lanciate a tutta velocità per i boulevard della frenetica capitale. La piazza Naqsh-e Jahàn a Isfahan, dove al tramonto di un venerdì d’estate si danno convegno persone di ogni estrazione ed età. Arrivano a migliaia per un picnic improvvisato, una preghiera, un gioco di bambini, un giro su una carrozza trainata da cavalli, una visita alla imponente moschea dell’Imam, una chiacchierata tra amici gustando un gelato distesi comodamente sull’erba…

Con l’accordo sul nucleare iraniano, siglato a Ginevra nella notte del 24 novembre 2013 tra l’Iran, Usa, Russia, Cina, Gran Bretagna, Francia e Germania, di fatto si riapre il dialogo con gli Usa, interrotto dal 1979 dopo la rivoluzione dell’Ayatollah Khomeini. Oggi Oriente e Occidente si confondono e si mescolano ancora di più. Sarà sempre più difficile distinguerli?

Enzo Signorelli
© 2012-2014 – Riproduzione riservata
enzo@enzosignorelli.net
http://www.enzosignorelli.net

Realtà Virtuale – Alcune considerazioni sulla fotografia digitale

La fotografia digitale ha dei grandi meriti. Ha ridotto l’inquinamento da prodotti chimici usati per sviluppare, ha incrementato le vendite di computer, ha permesso di stampare giornali a basso costo, ha trasformato i matrimoni in happening dove gli invitati si fotografano a vicenda, ha messo tutti in grado di portare a casa foto decenti dai viaggi. E altro ancora.

La fotografia digitale ha salvato le amicizie. Ha abolito le temutissime proiezioni di diapositive della domenica sera, con colonna sonora stile Pink Floyd e commento dell’autore. Le ha sostituite con un più discreto e inoffensivo album virtuale su Flickr. Una cosa comodissima: si manda un link ad una rubrica grande quanto l’elenco del telefono e finisce lì. Più tardi, il pubblico ignaro, in pantofole nella quiete della propria casa, potrà decidere se aprirlo oppure no. E nessuno controlla…

La fotografia digitale costa poco. Ha avuto il grande merito di rendere popolare se stessa, più che negli anni Settanta. E’ vero che è più facile pilotare un aereo da guerra che conoscere tutte le funzioni di una reflex. Niente paura, ci sono i workshop tecnici. Corsi per conoscere le attrezzature, per fare la post produzione al computer, per stampare, per ritoccare… La vostra reflex, acquistata con tante acrobazie di bilancio familiare proprio una settimana prima delle vacanze, ha un manuale utente di quattrocento pagine, fitto fitto? Tranquilli, chi vi ha venduto il prezioso oggetto vi farà un workshop calibrato proprio per il vostro modello. Pazienza se costa la metà di quanto avete speso per la fotocamera. E’ il giusto prezzo del progresso…

Il merito più grande della fotografia digitale è quello di aver fatto rinascere il reportage. Non serve saper cogliere l’attimo come Werner Bischof, né conoscrere la luce e il colore come Hernst Haas. Niente paura, ci pensa Raw, Photoshop, Alien Skin. E così, immagini scattate in giornate di pioggia monsonica, riprese fatte a mezzogiorno, reportage che arrivano da città soffocate dallo scirocco che sbianca l’aria e smorza i colori diventano sequenze degne di un film di Tarantino, di Indiana Jones e Tomb Raider. Vedrete colori fantastici (nel senso che non esistono in natura), contrasti mozzafiato, dettagli che l’occhio non è capace di distinguere, saturazioni che fanno esplodere i monitor. Non crederete ai vostri occhi, vi sentirete immortali…

Tempo fa guardavo un servizio fotografico realizzato in Kosovo da un reporter di grido. Sembrava Sin City tanto le atmosfere erano irreali, fantastiche. Ci sono stato in Kosovo. La luce balcanica umida e fredda per la maggior parte dell’anno, afosa d’estate, non aiuta molto le riprese. Ci vuole molta pazienza, fortuna e tanta esperienza per tirare fuori poche immagini d’effetto.

Allora questa non è fotografia. Potrebbe essere arte, è vero. Sicuramente è finzione, realtà virtuale manipolata da ore di post produzione al computer. Immagini inventate, scatti e sequenze di un altro mondo. La fotografia, quella vera, è documento. La fotografia è informazione, è anche denuncia. E’ un modo di vedere la realtà e di riportarla attraverso un procedimento molto fedele di ripresa e di stampa. Impiegando tecniche che non aggiungono nulla, anzi, che potrebbero togliere qualcosa, un dettaglio, una sfumatura di colore, se non si conoscono alla perfezione, se non vengono ben utilizzate. L’immagine si compone nel mirino di una reflex, non davanti a un monitor con una scheda grafica potente quanto un motore fuoribordo.

Invidio sempre di più i colleghi che scrivono. Ancora non esiste un software capace di trasformare un pezzo mediocre e incolore in un fondo di Sartori o di Scalfari della prima Repubblica, in un articolo (anche inventato) di Gabriel Garcia Márquez, in un reportage di Tiziano Terzani. Beati loro…

Enzo Signorelli

© 2011 – Tutti i diritti riservati