Lodz, Poland – A Promised Land in the New Europe

Lodz, Poland – Old vodka factory in ul. Kopcinskiego [©Enzo Signorelli photographer]
Lodz is an industrial town, the second largest in Poland, which was “a promised land” during the Industrial Revolution in the 19th century. These years have been well described in Andrzej Wajda’s movie, derived from the Wladyslaw Reymont’s book “Promised Land”. Reymont won the Nobel Award in 1927. Wajda in the ‘ 50 learnt at the prestigious National Film School in Lodz, where studied Krzysztof Kieslowski, Krzysztof Zanussi, also Roman Polanski. Arthur Rubinstein, one of the greatest pianists of the century, was also born in Lodz. I went to the town for a shooting about the factories of an important Italian company. I had a very poor knowledge of Lodz’s culture and its architecture. In Lodz there are neither tourists, nor souvenir of stores. Lodz is an ordinary working city. Today, following the inclusion of Poland in European Community, Lodz has become a promised land, once again, for buildings and modern industry. The old factories are being rebuilt and turned into offices, lofts, shopping centers and art galleries. Modern buildings and new factories are growing up near the Mittel-European boulevards, socialist blocks, liberty palaces in downtown, and the old brick factories. Monuments from the past, still living in the present.

Enzo Signorelli

© 2008-2014 Unauthorized Reproduction Prohibited

Lodz, Poland – Sports Hall in aleja Politechniki [©Enzo Signorelli photographer]
Lodz è una città industriale, la seconda per grandezza della Polonia, vera e propria “terra promessa” ai tempi della rivoluzione industriale. Quegli anni sono stati ben raccontati in un film di Andrzej Wajda, tratto dall’omonimo romanzo “Terra promessa” del premio nobel Wladyslaw Reymont. Wajda aveva studiato a Lodz nella prestigiosa scuola di cinematografia dove si sono formati Kieslowski, Polanski e tanti altri. A Lodz è nato uno dei più grandi pianisti del secolo: Arthur Rubinstein. Ero arrivato in città per fotografare alcuni stabilimenti di una grande società italiana e non sapevo del suo background culturale, né della sua particolare architettura. Del resto a Lodz non ci sono turisti, negozi di souvenir, avventurieri e prostitute negli hotel. E’ una città di lavoro, praticamente sconosciuta. Negli ultimi anni, con l’ingresso della Polonia nella Comunità Europea, Lodz è tornata ad essere, per la seconda volta in quasi due secoli, “terra promessa” per l’edilizia e per la grande industria moderna. E così le vecchie fabbriche di mattoni sono stati in parte riconvertiti in uffici, loft, centri commerciali, gallerie d’arte. Nuovi edifici e moderni stabilimenti sorgono accanto ai boulevard mitteleuropei, ai blocks del socialismo, ai palazzi liberty del centro, alle grandi fabbriche di mattoni dell’Ottocento. Monumenti di un’era non ancora conclusa.

© Enzo Signorelli

Tutti i diritti riservati

Lodz, Poland - Old factory demolition and rebuilding near aleja Politechniki [©Enzo Signorelli photographer]
Lodz, Poland – Old factory demolition and rebuilding near aleja Politechniki [©Enzo Signorelli photographer]
Lodz, Poland - Old advertising in ul. Tymienieckiego [©Enzo Signorelli photographer]
Lodz, Poland – Old advertising in ul. Tymienieckiego [©Enzo Signorelli photographer]
>> Go to the gallery

Iran tra Oriente e Occidente

Iran Reportage 2012

A cosa si avvicina di più l’Iran di oggi? All’Oriente o all’Occidente? Con questa domanda, rimasta allora senza risposta, si era conclusa la conversazione con l’ambasciatore italiano che avevo appena incontrato nel suo studio privato a Teheran. Davanti a due tazze di buon caffè, Alberto Bradanini, oggi ambasciatore in Cina, aveva lanciato elegantemente diversi argomenti sul tappeto, regalandomi questo quesito accompagnato da una stretta di mano calorosa, e da un sorriso bonario.
Non ci volle molto tempo per comprendere le ragioni che lo avevano spinto a non aspettarsi da me una risposta immediata. Viaggiando attraverso l’Iran, tra Isfahan e Persepoli, da Na’in a Shiraz, dal mar Caspio a Yazd, mi rendevo sempre più conto di quanto fosse difficile rispondere alla domanda. Dov’era l’Oriente? E dove l’Occidente? Attraversando boschi come in Svizzera, campi dove germoglia il riso più pregiato del mondo, laghi grandi come mari e mari chiusi come laghi, passando dalle cupole d’oro delle moschee alle torri del vento delle città del deserto, dai palazzi di Dario e di Serse alla solennità dei monti Elburz. Tutto è grandissimo, tutto si riduce all’essenziale. La tomba di Ciro il Grande a Pasargadae, una costruzione di pietra come una ziggurat, alta appena undici metri. Il Gran Bazar di Teheran, un mercato che si snoda per oltre dieci chilometri nella parte meridionale della capitale. Città di milioni di abitanti, brulicanti di vita. Villaggi di sabbia avvolti dal silenzio. I magnifici palazzi imperiali, le steppe infinite, i piccoli caravanserragli trasformati in ristoranti trendy. Le mille spezie che rendono inebriante il cibo locale. Miliardi di maioliche colorate che ipnotizzano chi guarda le volte di una moschea antica. Le donne, truccatissime con il capo coperto ma non troppo, che guidano le auto lanciate a tutta velocità per i boulevard della frenetica capitale. La piazza Naqsh-e Jahàn a Isfahan, dove al tramonto di un venerdì d’estate si danno convegno persone di ogni estrazione ed età. Arrivano a migliaia per un picnic improvvisato, una preghiera, un gioco di bambini, un giro su una carrozza trainata da cavalli, una visita alla imponente moschea dell’Imam, una chiacchierata tra amici gustando un gelato distesi comodamente sull’erba…

Con l’accordo sul nucleare iraniano, siglato a Ginevra nella notte del 24 novembre 2013 tra l’Iran, Usa, Russia, Cina, Gran Bretagna, Francia e Germania, di fatto si riapre il dialogo con gli Usa, interrotto dal 1979 dopo la rivoluzione dell’Ayatollah Khomeini. Oggi Oriente e Occidente si confondono e si mescolano ancora di più. Sarà sempre più difficile distinguerli?

Enzo Signorelli
© 2012-2014 – Riproduzione riservata
enzo@enzosignorelli.net
http://www.enzosignorelli.net

Il volo della tartaruga marina – Reportage a Saint-Barthélemy, cover story su Latitudes Travel Magazine

French West Indies (Caribbean Sea) - Island of Saint BarthŽlemy

 

Saint-Barthélemy, la Saint-Tropez dei Caraibi, è una delle perle delle Antille Francesi incastonata nel gruppo di isole che delimitano il versante orientale del mar dei Caraibi. L’isola è una delle più esclusive del pianeta, e si vede. “La differenza sta in una piccola sfumatura – dice David, proprietario dell’Eden Rock, uno dei Relais & Châteaux più famosi del mondo – A Saint-Tropez tutti si mettono in mostra, qui a St. Barths si fa di tutto per non farsi notare”.

Capisco subito perchè, immergendomi in apnea, seguendo con movimenti lentissimi e silenziosi il volteggiare delle tartarughe marine, fotografando tra le formazioni coralline dove si rifugiano pesci di ogni specie e colore per sfuggire alle correnti impetuose. Oppure cercando le mie inquadrature nella natura bella e selvaggia dell’isola e degli isolotti che la circondano come un piccolo arcipelago.

French West Indies (Caribbean Sea) - Island of Saint BarthŽlemy

 

Spiagge bianchissime, sculture di corallo, fiori del Caribe, migliaia di conchiglie che tapezzano i fondali, paesaggi come tele dipinte, tramonti mozzafiato navigando di bolina, sentieri silenziosi tra le rocce battute dal vento. Si, comprendo perchè qui, tutto sommato, si rinunci alla mondanità. Forse seguendo un impulso atavico a fuggire, perdendosi (o meglio, ritrovandosi) nella natura mite, accogliente, rassicurante.

Seguite gli amici della Réserve Naturelle di Saint-Barthélemy e scoprirete i luoghi più belli e incontaminati dell’isola. Volgendo lo sguardo dalla parte giusta, le ville da sogno semi nascoste dalla vegetazione tropicale, i resort di grande charme, le boutiques, i ristoranti più stellati della Via Lattea scompariranno, cedendo il posto alle immagini di un paradiso ritrovato.

French West Indies (Caribbean Sea) - Island of Saint BarthŽlemy

 

cover

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

>> Vai al reportage completo su Latitudes

>> Scarica il reportage in Pdf

>> Scarica la copertina

 

Le soldatesse italiane raccontano l’Afghanistan – Esclusivo su ELLE di maggio

L’Afghanistan visto attraverso gli occhi delle donne soldato italiane impegnate nella missione internazionale.

ELLE_Donne_Soldato_Maggio2013

Forti, determinate, addestrate. Si muovono in un ambiente difficile, pericoloso, spesso infido. Fanno lo stesso lavoro degli uomini, e non hanno né privilegi, né sconti sulle fatiche o sui rischi. Eppure la loro femminilità è intatta, inattaccabile dal caldo e dalla povere, protetta dalla divisa che indossano con pochissimo trucco e i capelli raccolti. Le ho viste, concentrate e silenziose, scortare e proteggere con le armi i propri compagni. Le ho viste sorridere ai bambini che giocano insieme a loro con curiosità e rispetto. Sono un punto di riferimento per le donne afghane che, specialmente nei villaggi e lontano dalle città, sono come creature di sabbia senza volto e senza voce. Troppe volte senza speranza.

ELLE_Cover_Maggio2013

 

 

 

 

 

 

 

>> Scarica il reportage in Pdf

 

Reportage in Iran, cover story su Ulisse magazine di settembre

UN ORIENTE MOLTO VICINO

Il mio ultimo reportage sul numero di settembre di Ulisse, la rivista di bordo di Alitalia.

In copertina gli splendidi bassorilievi di palazzo Apadana nell’antica Persepoli. All’interno, un reportage di nove pagine, con un testo di Roselina Salemi, racconta il mio viaggio attraverso l’Iran di ieri e di oggi.

Il Grand Bazaar, palazzo Golestan e l’immensa Azadi square a Teheran, le moschee di Isfahan, le colonne slanciate e i preziosi bassorilievi della città di Dario e di Serse. Attraverso la regione del Caspio, passando per Shiraz, Na’in e i suoi magnifici tappeti, da Naqsh-e Rostam fino alle torri del vento di Yazd e i villaggi nel deserto. Luoghi, gente e atmosfere sospesi tra Oriente e Occidente.

>> Scarica il reportage in Pdf

Le giornaliste di Herat e il reportage in Afghanistan su ELLE

I ritratti delle coraggiose giornaliste afgane incontrate a Herat, con una cornice di immagini di reportage scattate a Shindand e nella regione del Gulistan, su Elle di giugno.

Con i soldati italiani, con le truppe afgane, nelle basi avanzate, da solo per le strade trafficatissime di Herat tra gli antichi minareti, nei bazar, con i pellegrini in preghiera nella grande moschea del Venerdì, nei vicoli silenziosi della Città Vecchia sorvegliata dai bastioni della Cittadella. Sulle orme di Robert Byron, tra i monumenti di quella che è stata la splendida capitale dell’Impero di Tamerlano.

>> Download Pdf

Professione Reporter, Donne giornaliste oggi a Herat

Gli obiettivi fondamentali che le Nazioni Unite vogliono raggiungere e valorizzare in Afganistan sono tre, dice il portavoce di UNAMA (United Nations Assistance Mission in Afghanistan) a Herat: le Donne, i Giovani, l’Informazione. Seeta Habibi li impersona tutti. Seeta ha 23 anni, è nata nella provincia di Farah, i suoi genitori sono due ufficiali dell’Afghan National Police. Durante gli anni del potere dei Talebani la famiglia si era rifugiata in Iran. Oggi Seeta vive e lavora a Herat, è una giovane giornalista molto attiva, particolarmente impegnata nella difesa dei diritti delle donne afgane.

Ci sono diverse radio indipendenti a Herat dove lavorano giornaliste afgane. Ne incontro alcune nella redazione di Radio Killid, poi la mia attenzione viene catturata da in gruppo di giovani, maschi e femmine insieme, che partecipano ad una lezione di giornalismo per ragazzi. “The Children Journalism Training Class” è un progetto per divulgare la professione del giornalismo tra le giovani generazioni. In questa classe ci sono 17 studenti e la maggior parte di loro sono donne. Un ragazzino mi guarda mentre fotografo. Ha una camicia azzurra e il nodo della cravatta che spunta dal gilet, sembra già un vero professionista che si appresta al lavoro in redazione. Le ragazze con i loro volti attenti e il capo coperto guardano in basso, sono tranquille e un poco intimorite dalla mia presenza. Non riescono ancora a sostenere lo sguardo di un uomo.

Le donne del progetto “Video In Development Training” imparano a girare un video sotto la guida dell’unico uomo del gruppo, il loro regista Moahammad. Il progetto fa parte delle iniziative di Shokouh, un’organizzazione no-profit sostenuta dal Provincial Reconstruiction Team di Herat, sotto il comando dei militari italiani. Fotografo le donne davanti alla  palazzina del PRT danneggiata durante l’attacco suicida del 30 maggio 2011, quando un commando di talebani si lanciò verso l’ingresso con un’auto imbottita di esplosivo. Il bilancio  della tragedia fu di 4 morti e 24 feriti, tra cui 5 soldati italiani.

Massoma ha trent’anni, è una reporter di “Voice of Freedom”, un giornale edito dalla forza multinazionale ISAF. La incontro in città per un breve colloquio e le offro un passaggio sul mio taxi. Massoma ha una Nikon e un piccolo registratore con sé, deve realizzare un servizio su una nuova strada che si sta costruendo in città. Arrivati sul posto, scende dall’auto e scatta velocemente alcune foto. Poi intervista alcuni lavoratori visibilmente sorpresi dalla sua intraprendenza. Si vede che non sono abituati a parlare con una donna in pubblico. Sono giovani, sorridono mentre fotografo la scena. La strada è piuttosto trafficata all’ora di pranzo. Herat è situata lungo la Via della Seta, da secoli è la città commercialmente più importante dell’Afganistan. Alcuni uomini di passaggio a bordo delle loro motociclette ci guardano. Massoma cerca di apparire tranquilla e mi fa cenno di fare presto. Saliamo sul taxi, lei si rilassa sul sedile posteriore guardando fuori dal finestrino mentre io, seduto accanto al mio autista, scatto un’ultima foto con il suo viso incorniciato dal velo.

Enzo Signorelli © 2011-2012

Riproduzione riservata

[www.enzosignorelli.net]

>> Go to my complete reportage in Afghanistan

Master di Fotografia di Reportage con Enzo Signorelli

Canon Italia, Promofast e la rivista “Il Fotografo” lanciano il primo Master di Fotografia di Reportage con Enzo Signorelli.

Una settimana di incontri, lezioni, shooting, per conoscere la Fotografia di Reportage. Attraverso le esperienze dei docenti, dalla lettura dei portfolio, dalle conversazioni e dai racconti di viaggio, dall’analisi delle immagini scattate durante le sessioni fotografiche, studiando il lavoro dei grandi fotografi, percorreremo una via per imparare tecniche e segreti di uno dei modi più affascinanti per raccontare il mondo. Paesaggi e natura, volti e situazioni, personaggi famosi e gente comune, attualità e informazione, luci e ombre, forme, colori, storie, avvenimenti piccoli e grandi, momenti della vita di ogni giorno che fanno la storia del nostro pianeta. Tutto questo è Reportage.

E.S.

Masterclass in Sicilia dal 14 al 20 Novembre 2011

Informazioni e contatti con Enzo Signorelli: enzo@enzosignorelli.net (+39) 3356889498

>> Vai alla pagina ufficiale

>> Scarica il programma

>> Canon Experience

>> Canon Experience – Masterclass in Sicilia

>> Enzo Signorelli Website

Afghanistan – Appunti per un reportage

Il C-130 dell’Aeronautica Militare è appena atterrato nella base di Camp Arena, a Herat. Ci sono molti militari ad aspettare i loro compagni di ritorno da una breve licenza in Italia, a casa. Alcuni arrivano per la loro prima missione in Afghanistan. Altri si abbracciano contenti di ritrovarsi. Ci sono volute parecchie ore di volo e una lunga sosta notturna nel caldo torrido di Abu Dhabi prima di arrivare a destinazione. Siamo a quasi mille metri di altitudine, il caldo è sopportabile, piuttosto secco, il cielo è bianco e l’aria sa di polvere. Una polvere antica, finissima, che entra dappertutto offuscando persino il sole del 34° parallelo a mezzogiorno.

Si parte subito, destinazione Shindand, a sud di Herat dove c’è la base operativa avanzata (Fob, forward operating base) che raggiungiamo al tramonto a bordo di due elicotteri americani Black Hawk armati con mitragliatrici. Dall’alto vedo le montagne antichissime di questa terra fatta di pietre e di sabbia. Attraversiamo in volo la Ring Road, la Asian Highway 1, la più importante via di comunicazione in Afghanistan, l’unica strada asfaltata del paese.

Il giorno dopo, di buon mattino, partenza per la Zeerko Valley dove si trova un avamposto di ISAF (International Security Assistance Force), la Safe House 1. Ritorniamo indietro attraversando un deserto di pietre dove la nostra colonna di mezzi blindati si muove agevolmente come un lungo serpente corazzato. Su un crinale all’orizzonte vedo i resti di una grande fortificazione vecchia di secoli, una muraglia di pietra che corre sulla montagna e che, lentamente, diventerà polvere. Nel pomeriggio visita al Women Council di Shindand, un’associazione che offre sostegno alle donne afghane vittime di guerra, vedove, abbandonate dalle famiglie, diseredate. Ci sono anche due nostre soldatesse, con il capo coperto, che ascoltano attente le richieste delle donne. Molte di loro sono madri, ospiti del centro con i loro piccoli. I bambini giocano intorno, sorridono mentre i nostri militari scaricano, con discrezione, alimenti e generi di prima necessità. Il generale Claudio Berto, comandante del Regional Commad West di ISAF ci tiene a ricordare che siamo in Afghanistan per proteggere la popolazione, non per combattere una guerra.

Il giorno successivo siamo a nord di Shindand, nel distretto di Adraskan. A breve ci saranno le elezioni politiche in Afghanistan e i nostri soldati della Task Force Centre controllano che le attività nei seggi elettorali proseguano regolarmente. Più tardi, percorrendo una pista tra le colline sabbiose, raggiungiamo il villaggio dove vive Yasin, l’anziano della comunità che ci viene incontro con il suo turbante candido, lo sguardo sereno e un piccolo seguito. In breve, quasi tutti gli abitanti sono introno a noi. Le donne ci staranno guardando dalle finestre avvolte nell’oscurità, le bambine, curiose, si affacciano sulle porte delle case vestite di abiti coloratissimi. I soldati italiani ogni tanto fanno visita a questa gente ospitale, li hanno aiutati a costruire un pozzo d’acqua proprio al centro del villaggio da cui dipende la sopravvivenza dell’intera comunità e di quelle vicine.

Nella notte partiamo per una ricognizione lungo la Ring Road a bordo di una colonna di mezzi blindati pesanti. I militari incontrano i poliziotti afghani dell’ANP (Afghan National Police) che presidiano, giorno e notte, i posti di controllo lungo l’arteria principale del paese. Non passa nessuno, non c’è alcuna luce, la più piccola sorgente luminosa potrebbe aiutare un cecchino appostato a trovare un bersaglio. Il silenzio e l’immobilità intorno sono assoluti. Si parla a voce bassa mentre sopra di noi uno dei più luminosi e limpidi cieli stellati che ho mai potuto vedere ci avvolge indifferente. Poco dopo si affaccia la luna sopra le colline disegnando i profili dei mezzi disposti in posizione difensiva. Appena i miei occhi si sono abituati riesco a distinguere le sagome dei poliziotti afghani affacciati con i loro Kalashnikov dal tetto della postazione immersa nella quiete della notte. Sono contenti della nostra visita, non ne ricevono molte da quelle parti. Alcuni parlano tra di loro in tono sommesso, tenendo una sigaretta nascosta nel palmo della mano.

Torniamo a Herat e la mattina successiva ottengo il permesso di uscire dalla base di Camp Arena. Varco il cancello, esco da solo, senza elmetto, senza giubbotto antiproiettile, senza scorta armata. Ad attendermi trovo la mia guida, un ragazzo afghano di 25 anni, vestito dell’abito tradizionale bianco candido, e un giovane tassista, forse un parente. La sensazione di vuoto che avevo provato percorrendo a piedi la zona di sicurezza, tra il cancello della base e la strada, svanisce. Comincia il mio reportage a Herat, una delle più antiche e più belle città del paese. Strade piene di gente che si sposta continuamente, mercati e bancarelle dovunque, manifesti elettorali con volti femminili e barbe islamiche, piccoli taxi colorati a tre ruote che sfrecciano con il loro carico umano, motociclette, auto, il suono dei clacson, la grande moschea del Venerdì, i pellegrini arrivati dai villaggi per il Ramadan, tappeti, merci di ogni genere, la Cittadella, le Torri antiche della città che è stata di Alessandro Magno.

L’ultimo giorno raggiungiamo in volo la base operativa avanzata di Bala Morghab, al confine con il Turkmenistan, scortati da due elicotteri da combattimento A129 Mangusta. Appena gli elicotteri superano in volo tattico le colline deserte, aride e senza vita, entriamo nel paradiso della valle del fiume Morghab. All’improvviso compaiono dal nulla venti chilometri di terra fertile, villaggi, alberi, coltivazioni, greggi, bambini, mercati, gente. Ci sono anche i nostri soldati della Task Force North, trincerati negli avamposti calcinati dal sole a controllare e difendere i punti di accesso della valle dalle incursioni dei talebani. Affacciandomi dalla trincea vedo i territori sotto il loro controllo, immersi dalla luce accecante e nella calma apparente del pomeriggio.

© Enzo Signorelli 2010-2011

Riproduzione riservata

>> Go to the reportage

Realtà Virtuale – Alcune considerazioni sulla fotografia digitale

La fotografia digitale ha dei grandi meriti. Ha ridotto l’inquinamento da prodotti chimici usati per sviluppare, ha incrementato le vendite di computer, ha permesso di stampare giornali a basso costo, ha trasformato i matrimoni in happening dove gli invitati si fotografano a vicenda, ha messo tutti in grado di portare a casa foto decenti dai viaggi. E altro ancora.

La fotografia digitale ha salvato le amicizie. Ha abolito le temutissime proiezioni di diapositive della domenica sera, con colonna sonora stile Pink Floyd e commento dell’autore. Le ha sostituite con un più discreto e inoffensivo album virtuale su Flickr. Una cosa comodissima: si manda un link ad una rubrica grande quanto l’elenco del telefono e finisce lì. Più tardi, il pubblico ignaro, in pantofole nella quiete della propria casa, potrà decidere se aprirlo oppure no. E nessuno controlla…

La fotografia digitale costa poco. Ha avuto il grande merito di rendere popolare se stessa, più che negli anni Settanta. E’ vero che è più facile pilotare un aereo da guerra che conoscere tutte le funzioni di una reflex. Niente paura, ci sono i workshop tecnici. Corsi per conoscere le attrezzature, per fare la post produzione al computer, per stampare, per ritoccare… La vostra reflex, acquistata con tante acrobazie di bilancio familiare proprio una settimana prima delle vacanze, ha un manuale utente di quattrocento pagine, fitto fitto? Tranquilli, chi vi ha venduto il prezioso oggetto vi farà un workshop calibrato proprio per il vostro modello. Pazienza se costa la metà di quanto avete speso per la fotocamera. E’ il giusto prezzo del progresso…

Il merito più grande della fotografia digitale è quello di aver fatto rinascere il reportage. Non serve saper cogliere l’attimo come Werner Bischof, né conoscrere la luce e il colore come Hernst Haas. Niente paura, ci pensa Raw, Photoshop, Alien Skin. E così, immagini scattate in giornate di pioggia monsonica, riprese fatte a mezzogiorno, reportage che arrivano da città soffocate dallo scirocco che sbianca l’aria e smorza i colori diventano sequenze degne di un film di Tarantino, di Indiana Jones e Tomb Raider. Vedrete colori fantastici (nel senso che non esistono in natura), contrasti mozzafiato, dettagli che l’occhio non è capace di distinguere, saturazioni che fanno esplodere i monitor. Non crederete ai vostri occhi, vi sentirete immortali…

Tempo fa guardavo un servizio fotografico realizzato in Kosovo da un reporter di grido. Sembrava Sin City tanto le atmosfere erano irreali, fantastiche. Ci sono stato in Kosovo. La luce balcanica umida e fredda per la maggior parte dell’anno, afosa d’estate, non aiuta molto le riprese. Ci vuole molta pazienza, fortuna e tanta esperienza per tirare fuori poche immagini d’effetto.

Allora questa non è fotografia. Potrebbe essere arte, è vero. Sicuramente è finzione, realtà virtuale manipolata da ore di post produzione al computer. Immagini inventate, scatti e sequenze di un altro mondo. La fotografia, quella vera, è documento. La fotografia è informazione, è anche denuncia. E’ un modo di vedere la realtà e di riportarla attraverso un procedimento molto fedele di ripresa e di stampa. Impiegando tecniche che non aggiungono nulla, anzi, che potrebbero togliere qualcosa, un dettaglio, una sfumatura di colore, se non si conoscono alla perfezione, se non vengono ben utilizzate. L’immagine si compone nel mirino di una reflex, non davanti a un monitor con una scheda grafica potente quanto un motore fuoribordo.

Invidio sempre di più i colleghi che scrivono. Ancora non esiste un software capace di trasformare un pezzo mediocre e incolore in un fondo di Sartori o di Scalfari della prima Repubblica, in un articolo (anche inventato) di Gabriel Garcia Márquez, in un reportage di Tiziano Terzani. Beati loro…

Enzo Signorelli

© 2011 – Tutti i diritti riservati

Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 105 other followers

%d bloggers like this: